Tutto l'evangelo Adi 8x1000 - 2015
Home | Forum | Newsletter | Audio mp3 | Scuola Domenicale | Eventi | Foto | Link
Inserisci il tuo indirizzo Iscrivimi Cancellami Leggi arretrati Leggi arretrati
L'angolo del Pastore
Nato di nuovo
Letture
Studi biblici
Meditazioni
Pensieri
Attualità
Pionieri
Bibbia online

Emittenti TV Cristiani Oggi

Il messaggio della settimana in mp3

Le frequenze di radio evangelo

La nostra comunità

Testimonianza PentecostaĆ²e

Chi siamo

Le nostre attività

Turno campeggio 2017

Giornalino L'informatore Evangelico

:: Adorazione gradita a Dio
  Giovanni 12:1-11

Nell’episodio qui letto notiamo subito come Maria si trova spesso ai piedi di Gesù; stare ai piedi del Signore è un ottimo posto, è la posizione di chi vuole adorare Dio. Luca 10:39; Giovanni 11:32.

      1. Riflettiamo per primo come il gesto di Maria ci ricorda che ogni cosa viene da Dio e appartiene a Lui. Salmo 24:1; 1Cronache 29:16; 1Corinzi 4:7. Nel rompere quel vaso di alabastro e versare il profumo di nardo puro sui piedi di Gesù, Maria non pensava al costo del suo gesto (il salario di un anno), la sua adorazione fu generosa perché il suo Signore ne è degno. La sua attitudine contrasta molto con quella di Giuda, che considerava tutto ciò uno spreco. Giuda rappresenta il qualche modo chi dice: "È vero che tutto viene da Dio ma ormai adesso è tutto mio. Maria lo fece in maniera spontanea, non si preoccupava del costo e neanche di quello che gli altri dicevano, era troppo presa dall’amore e la devozione che aveva per il Suo Signore.

      2. Maria adora Gesù perché dal suo cuore scaturisce un senso di profonda gratitudine a Dio. Suo fratello Lazzaro era morto, ma Gesù l’ha risuscitato, e per questo lei fu grata e riconoscente. La vita ridata a Lazzaro valeva molto più della cosa più preziosa che lei possedeva. D’altronde fratelli cosa vale più dell’anima nostra, se guadagnando tutto il mondo, perdiamo essa? Alla fine abbiamo perso tutto. Quando i nostri cuori sono pieni di gratitudine diventeremo dei veri adoratori. Il nostro servizio a Dio non ci acquista qualche diritto davanti a Lui e neanche lo serviamo spinti da un senso di obbligo, solo ciò che viene dal cuore gli sarà gradito. Non è ciò che diamo che conta ma è come lo diamo che ha una grande importanza (paragona tra l’offerta di Maria e quella della vedova Marco 12:41-44.)

      3. La sua adorazione è stata criticata. Onorare il Signore, mentre è gradito da Dio non sarà sempre appoggiato dagli uomini. Maria non si lascia condizionare dalle critiche di Giuda e degli altri, anche perché ciò che faceva non era per loro ma per il Signore. Non dimenticate che spesso dietro le critiche si nasconde l’ipocrisia come nel caso di Giuda. Gesù approva il gesto di Maria ed è questo che conta alla fine. Come il profumo di Maria ha riempito la casa anche la sua adorazione ha lasciato un ricordo nei secoli Marco 14:9. Chi adora Dio con tutto il cuore ha un’influenza positiva sulla vita di tanti, il buon odore di Cristo prende sempre il sopravvento sul cattivo odore delle critiche 2 Corinzi 2:14-16.

      4. Maria offre al Signore quello che ha, Dio non ci chiede quello che non abbiamo. È importante dare con gioia da ciò che Egli stesso ha provveduto per noi 2 Corinzi 8:6-15; 9:7.

      5. L’ungere Gesù è stato anche una dimostrazione che Maria era consapevole che Gesù doveva morire fra non molto. Pochi erano quelli che avevano afferrato che il Signore fra breve avrebbe dato la Sua vita in mano di uomini scellerati. Quel profumo era riservato proprio per quel uso e lei l’ha anticipato sapendo che il tempo rimasto era breve. Meno male che lo fece allora, perché non avrebbe potuto usarlo dopo, in quanto andando alla tomba, come è successo con le donne il giorno della resurrezione, avrebbe scoperto che il Signore non era lì. Non aspettiamo troppo tempo per metterci al servizio del Signore, oggi è il momento giusto. Non dimentichiamo cari che noi dobbiamo lasciare questa vita e non possiamo portare nulla con noi, mettiamo da parte un tesoro nel cielo.

Per concludere chiediamo al Signore di farci dei veri adoratori che lo adorano in spirito e verità. Senza riserve, senza pretese, non in modo freddo e calcolato ma spontaneamente con un cuore umile e grato.





Chi siamo | Dove siamo | Mappa del sito | Diritti d'autore

© www.tuttolevangelo.com 2002 - 2017 - Tutti i diritti sono riservati. È vietata ogni riproduzione anche parziale.
WEBMASTER - Direttore direttore@tuttolevangelo.com
Powered by FareSviluppo.it