Tutto l'evangelo Adi 8x1000 - 2015
Home | Forum | Newsletter | Audio mp3 | Scuola Domenicale | Eventi | Foto | Link
Inserisci il tuo indirizzo Iscrivimi Cancellami Leggi arretrati Leggi arretrati
L'angolo del Pastore
Nato di nuovo
Letture
Studi biblici
Meditazioni
Pensieri
Attualità
Pionieri
Bibbia online

Emittenti TV Cristiani Oggi

Il messaggio della settimana in mp3

Le frequenze di radio evangelo

La nostra comunità

Testimonianza PentecostaĆ²e

Chi siamo

Le nostre attività

Turno campeggio 2017


:: Fiumi d’acqua Viva
   Giovanni 7:28-39
    I. Contesto storico e teologico
La festa delle capanne Lev. 23:39-43
Lo scopo della festa è quello di ricordare a Israele la fedeltà di Dio nel liberare il suo popolo, dall’Egitto alla terra promessa.
L’ottavo giorno consisteva in un evento molto particolare. Questo gesto si ripeteva ogni giorno durante la festa, ma l’ultimo era ancora più solenne, il sommo sacerdote attingeva acqua dalla vasca di Siloe, in una brocca d’oro, e seguito da una processione festosa, trasportava l’acqua al tempio dove veniva versata alla base dell’altare di bronzo.
Tutto questo voleva sottolineare le provvidenze miracolose di acqua che Dio realizzava per Israele durante il loro soggiorno nel deserto. Gesù,dopo avere assistito tutto questo, con l’immagine ancora molto presente nella mente del popolo, pronuncia le parole del nostro testo. Cercava di attirare l’attenzione su di Lui, è Lui la rocca da dove scaturisce acqua viva 1 Corinzi 10:4. "bevvero tutti la stessa bevanda spirituale, perché bevevano alla roccia spirituale che li seguiva; e questa roccia era Cristo".
    II. Il contenuto del Suo invito
Abbiamo un invito universale, nessun è escluso da poter andare a Cristo "…chiunque"

Altri chiunque nel Nuovo Testamento: Giovanni 3:16; 6:40; 12:46; Atti 2:21; 10:43.
    III. Il requisito cruciale per realizzare l’invito del Signore "… chiunque ha sete".
Possono bere solo coloro che hanno sete. Dio ci ha creati con un desiderio interiore della Sua presenza. Nell’uomo esiste una ricerca profonda di trovare il perché della Sua esistenza, ecco perché esistono religioni in tutto il mondo. L’uomo è soprattutto un essere spirituale che ha bisogno di mettersi in contatto con Dio.
Dunque sta facendo appello alla sete dell’anima dell'uomo, è assurdo credere al diavolo il quale vuole convincere l’uomo che Dio non esiste, lo stolto infatti dice che Dio non c'è.
È indispensabile vedere come l’uomo risponde a questo suo bisogno, la sete deve condurci a Cristo se davvero si vuole essere soddisfati, "chi ha sete venga a me" cfr. Geremia 2:12-13.
Dio provvede la fonte, naturalmente sta all’uomo bere o meno, "chiunque a sete venga a me e beva". Si può condurre un cavallo a bere ma non si può costringerlo a bere. È meraviglioso poter attingere dal Signore con gioia Isaia 12:3. "Voi attingerete con gioia l’acqua dalle fonti della salvezza".
    IV. La promessa del Signore è una abbondanza di soddisfazione "...fiumi d’acqua viva"
La realtà pentecostale non è un evento unico e statico, ma una realtà costante, continua e stravolgente Isaia 58:11; Efesini 5:18. "il SIGNORE ti guiderą sempre, ti sazierą nei luoghi aridi, darą vigore alle tue ossa; tu sarai come un giardino ben annaffiato, come una sorgente la cui acqua non manca mai". "… Ma siate ricolmi di Spirito".
Un segno tangibile della presenza attiva dello Spirito Santo nella vita di un credente, è che si diventa una benedizione per qualcuno altro. Evangelizzazione, compassione, servizio, si diventa un vaso dove altri possono bere. L’acqua dev’essere dolce, non stagnante, ma fresca, limpida e pura.
Cosa esce dal nostro cuore?




Chi siamo | Dove siamo | Mappa del sito | Diritti d'autore

© www.tuttolevangelo.com 2002 - 2017 - Tutti i diritti sono riservati. È vietata ogni riproduzione anche parziale.
WEBMASTER - Direttore direttore@tuttolevangelo.com
Powered by FareSviluppo.it