Tutto l'evangelo Adi 8x1000 - 2015
Home | Forum | Newsletter | Audio mp3 | Scuola Domenicale | Eventi | Foto | Link
Inserisci il tuo indirizzo Iscrivimi Cancellami Leggi arretrati Leggi arretrati
L'angolo del Pastore
Nato di nuovo
Letture
Studi biblici
Meditazioni
Pensieri
Attualità
Pionieri
Bibbia online

Emittenti TV Cristiani Oggi

Il messaggio della settimana in mp3

Le frequenze di radio evangelo

La nostra comunità

Testimonianza PentecostaĆ²e

Chi siamo

Le nostre attività

Turno campeggio 2017


:: I Benefici della giustificazione per fede — Lezione 3


“Giustificati dunque per fede, abbiamo pace con Dio per
mezzo di Gesł Cristo, nostro Signore.”
Romani 5:1

Testo di lettura: Romani 5:1-21

Perché giustificati abbiamo pace con Dio. È interessante considerare i vari aspetti che compongono questa pace. In altre parole c’è pace perché?

Riconciliati con Dio - Pace significa “assenza di ostilità”, il termine è usato anche per indicare il concetto di “salute” o di “benessere”. I due significati vanno assieme: chi non è più in discordia con Dio sta bene con sé stesso. Dio non è nostro nemico, siamo noi ad esserGli ostili in quanto, per natura, siamo figli di disubbidienza Luca 19:14; Filippesi 3:18; Col. 1:21. Gesù Cristo ha reso possibile che lo stato di ostilità tra Dio e l’uomo fosse abolito Romani 3:25; 1Giovanni 2:2. Non siamo più separati da Dio, una separazione che ci rendeva insoddisfatti, la fede ci permette di esser riavvicinati a Lui Efesini 2:11-22. Abbiamo in Cristo una nuova relazione con Dio, il peccato non ci viene più imputato 2 Corinzi 5:17-21.

Accesso alla grazia di Dio — Il termine “accesso” (sinonimo di ingresso) suggerisce che possiamo avvicinarci a Dio senza timore. Per il Suo immeritato favore Egli non è più un giudice per noi, ma il nostro Padre Celeste Ebrei 4:16. È indispensabile comprendere che Dio ha veramente perdonato tutti i peccati del credente Ebrei 8:12. Non si deve continuare a tormentarsi interiormente, ma occorre ricordare di essere liberati da ogni condanna. Romani 8:1. Avere comunione con Dio è possibile, l’accesso di cui godiamo non è come quello del Sommo Sacerdote, cioè limitato ad una sola volta all’anno e non senza la preoccupazione e il terrore di essere giudicato da Dio. In Cristo godiamo di un accesso permanente Efesini2:4-6. Sapere di essere accolti da Dio produce serenità e pace nel cuore.

Gioia e speranza — Esiste nel credente riconciliato, che vive alla presenza di Dio una gioia legata alla speranza. C’è una profonda esultanza perché la speranza cristiana non esprime un’incertezza ma fiducia e certezza. La speranza non causerà mai imbarazzo al credente, poiché essa è fondata sulle promesse di Dio. Quando un individuo diventa un credente, lo Spirito Santo viene a dimorare in Lui e gli dà la certezza della salvezza Galati 4:6; Romani 8:16. La presenza dello Spirito Santo è un pegno della gloria futura che ci attende, la nostra speranza è il ritorno del Signore Gesù Cristo Efesini 1:13,14; 1Giovanni 3:3. Allora il nostro corpo sarà trasformato, la glorificazione seguirà la nostra giustificazione e così entreremo nella nostra piena eredità in Cristo Romani 8:23,24; 2Tessalonicesi 2:16; 1Pietro 1:4.

Liberati dall’ira di Dio — L’amore di Dio è stato sparso nel cuore per condurci alla salvezza e liberarci dall’ira, per questo c’è pace. Dove non è presente l’amore perfetto di Dio si teme ancora un castigo 1 Giovanni 4:18. Non siamo più in Adamo, ma essendo in Cristo, al posto di morte eterna, abbiamo la vita eterna. La posizione di chi non è in Cristo è chiara: Egli è colpevole, la sua condanna è sicura Giovanni 3:36; 1Giovanni 5:12.

Come guida: Manuale di Studio per le Scuole Domenicali A.D.I.

Scarica Audio mp3
Formato pdf
Visualizza libro animato da sfogliare




Chi siamo | Dove siamo | Mappa del sito | Diritti d'autore

© www.tuttolevangelo.com 2002 - 2017 - Tutti i diritti sono riservati. È vietata ogni riproduzione anche parziale.
WEBMASTER - Direttore direttore@tuttolevangelo.com
Powered by FareSviluppo.it