Tutto l'evangelo
Home | Forum | Newsletter | Audio mp3 | Scuola Domenicale | Eventi | Foto | Link
Inserisci il tuo indirizzo Iscrivimi Cancellami Leggi arretrati Leggi arretrati
L'angolo del Pastore
Nato di nuovo
Letture
Studi biblici
Meditazioni
Pensieri
Attualità
Pionieri
Bibbia online

Emittenti TV Cristiani Oggi

Il messaggio della settimana in mp3

Le frequenze di radio evangelo

La nostra comunità

Le nostre attività

Turno campeggio 2014

Chi siamo


:: Il Battesimo in Acqua
    I. Quale base scritturale abbiamo per il battesimo?
Il Nuovo Testamento insegna il battesimo come requisito essenziale per il credente. Dovrebbe essere uno dei primi passi compiuti da chi, dopo la salvezza, vuole essere un discepolo di Cristo. Su questo base consideriamo solo chi ha fatto il battesimo in acqua come membro ufficiale della chiesa del Signore Atti 2:41. Crediamo che Gesù ha ordinato e ha istituito il battesimo affinché sia osservato dal suo popolo in ogni tempo Matteo 28:18-20; Marco 16:15-16.
I primi cristiani hanno messo in pratica questo comandamento. Pietro durante il suo messaggio nel giorno della Pentecoste esortò a chi ascoltava di ravvedersi ad essere battezzati nel nome di Gesù Cristo Atti 2:38. Filippo battezzò i samaritani subito dopo aver creduto Atti 8:12 e lo stesso avviene nel caso dell’Etiope Atti 8:36-38. La formula battesimale c'è stata data dà Gesù: "… nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo" Matteo 28:19. Ciò è un importante affermazione dottrinale in quanto si riconosce di avere creduto in un Dio trino Il battesimo viene fatto per immersione in quanto il termine originale per battezzare significa "immersione". Gli apostoli usavano questo metodo e se consideriamo il battesimo di Gesù notiamo come Egli entrò nelle acque e poi usci fuori dall’acqua Matteo 3:16.
Battesimo per immersione
    II. Quale significato ha il battesimo?
Crediamo che il Battesimo in acqua è simbolo della salvezza che riceviamo da Cristo per mezzo della fede. In nessun modo è un atto che ci salva, piuttosto è una testimonianza della salvezza già avvenuta (cfr. Efesini 2:8,9.). Dimostra simbolicamente il nuovo rapporto che è venuto a crearsi tra il credente e Gesù. Il rito esteriore rappresenta visibilmente l’unione spirituale e l’identificazione del credente con la morte e la risurrezione di Cristo Romani 6:1-10; Colossesi 2:11,12.
Il battesimo acquista un valore solo quando segue il ravvedimento ed è accompagnato dalla fede. Si faccia attenzione nel considerarlo come un semplice simbolo superfluo senza benefici spirituali. Quando c’è da parte del credente un sincero desiderio di ubbidire al Signore, Dio onora l’atto del battesimo e realmente l’anima del neofite viene fortificata e incoraggiata.
Naturalmente è da considerare anche come una confessione e testimonianza pubblica di appartenere al Signore 1 Timoteo 6:12. Con il battessimo il credente fa un patto con Dio, davanti a tutta la chiesa, impegnandosi a servire, obbedire ed onorare il Signore e Salvatore durante tutta la sua vita.
    III. Chi può essere battezzato?
La Bibbia c’insegna che è un atto compiuto da chi esprime fede in Cristo Gesù Marco 16:16. È fatto dopo aver ascoltato la Parola di Dio, essersi ravveduti dai propri peccati e accettato Cristo come personale Salvatore. Quindi è ovvio che sono esclusi i neonati, i quali non sono in grado di esprimere la propria fede o decisione di credere in e seguire Gesù Atti 8:37.
Il battesimo dev’essere volontario, l’espressione di un desiderio individuale e personale. Uno potrebbe chiedersi quando è il momento adatto per fare il battesimo. La fede è qualcosa di molto personale, credo comunque che bisogna che ci siano in maniera evidente frutti di ravvedimento. Ciò non significa una perfezione assoluta o essere un credente già maturo, il battesimo è un inizio e non un atto conclusivo. Però, è importante che ci sia un cambiamento tangibile, l’inizio di una vita nuova, in altre parole l’evidenza della nuova nascita Giovanni 3:3; 2Corinzi. 5:17.
    IV. Come proseguire dopo il battesimo?
La tua vita spirituale crescerà se viene sufficientemente alimentata. Ecco alcuni consigli pratici per aiutare a proseguire dopo avere fatto il battesimo in acqua.
Ricercare il battesimo nello Spirito Santo Atti 8:14-17.
Una lettura quotidiana e sistematica della Bibbia Salmo 1:1-2; 1Pietro 2:2.
Dedicarsi alla preghiera in quanto è il respiro dell’anima. I discepoli vedendo l’importanza hanno chiesto a Gesù d’insegnare loro come pregare. Più ci apriamo davanti a Dio, più il nostro cuore sarà ripieno della sua presenza Matteo 6:5-6; Luca 11:1-4.
La testimonianza. Racconta ad altri ciò che t’è accaduto Marco 5:19.
Fare parte attiva della chiesa locale. I credenti hanno bisogno dell’incoraggiamento di altri cristiani; è insieme che si cresce Atti 2:42; Atti 11:26; Ebrei 10:25.
Servire il Signore con zelo mettendo a disposizione dell’opera di Dio le tue risorse e talenti Giovanni 15:5,8,16; 1Corinzi 16:2; 2Corinzi 9:7,12-13; 1Pietro 4:10.

  Formato pdf Il battesimo nello Spirito Santo




Chi siamo | Dove siamo | Mappa del sito | Diritti d'autore

© www.tuttolevangelo.com 2002 - 2014 - Tutti i diritti sono riservati. È vietata ogni riproduzione anche parziale.
WEBMASTER - Direttore direttore@tuttolevangelo.com
Powered by FareSviluppo.it