Tutto l'evangelo Adi 8x1000 - 2015
Home | Forum | Newsletter | Audio mp3 | Scuola Domenicale | Eventi | Foto | Link
Inserisci il tuo indirizzo Iscrivimi Cancellami Leggi arretrati Leggi arretrati
L'angolo del Pastore
Nato di nuovo
Letture
Studi biblici
Meditazioni
Pensieri
Attualità
Pionieri
Bibbia online

Emittenti TV Cristiani Oggi

Il messaggio della settimana in mp3

Le frequenze di radio evangelo

La nostra comunità

Testimonianza PentecostaĆ²e

Chi siamo

Le nostre attività

Turno campeggio 2017

Giornalino L'informatore Evangelico

:: Ricordati dell’Iddio OnnipotenteLezione 10


“Sappi dunque oggi e ritieni bene nel tuo cuore che il SIGNORE è Dio lassù nei cieli,
e quaggiù sulla terra; e che non ve n’è alcun altro.”
Deuteronomio 4:39

Testo di lettura: Deuteronomio 4:31-40; 7:6-11

Deuteronomio significa “ripetizione della legge”, è il quinto libro della Bibbia riespone la legge alla nuova generazione, nata e cresciuta durante la marcia nel deserto. È un libro che possiamo definire come uno di ricordi, il pensiero chiave è la richiesta di Dio di avere un popolo ubbidiente che si ricorda del patto. Il Deuteronomio proclama che Dio è uno, che l’uomo decaduto deve mettersi in regola con Lui, che il patto con Dio richiede da parte nostra ubbidienza, amore e giustizia.
Mosè, con pazienza, racconta le passate esperienze e le benedizioni così da spronare la fede e la speranza della nuova generazione, esortando di non dimenticare in nessun modo la Legge di Dio ma di osservarla e metterla in pratica dedicandosi ad un servizio attivo e consacrato al Signore.
È uno dei quattro libri dell’Antico Testamento citati più frequentemente nel Nuovo Testamento, gli altri sono Isaia, i Salmi e Genesi. Quando Gesù fu tentato dal diavolo, egli ha risposto citando passi da Deut. 8:3; 6:16; 6:13. Per rispondere alla domanda su quale fosse il più grande dei comandamenti Gesù citò Deut. 6:5. In Deut. 18:15-19 troviamo un’importante profezia messianica a cui il libro degli Atti fa riferimento Atti3:22-23; 7:37.
Considerando l’importanza di ricordare l’opera di Dio compiuta a nostro favore, Mosè ribadì più volte al popolo che avrebbe dovuto rammentarsi di Dio e di quello che Egli aveva fatto per loro, perché imparassero a preservare il loro rapporto di fedeltà con Lui Deut. 16:3; 9:7; 8:18.
    Ricordare che siamo stati favoriti dalla grazia di Dio
Spesso capita di dimenticare che le benedizioni presenti e la nostra condizione spirituale favorevole di oggi è solo grazie al favore immeritato del Signore 1 Corinzi 15:9-10. In tutta l’esortazione di Mosè ad Israele, l’enfasi è posta sulla grandezza della benignità di Dio Deut. 7:7-8. Il popolo è stato avvertito di attribuire le loro benedizioni e la loro prosperità unicamente alla grazia e potenza del Signore Deut. 8:17-18.
    Ricordare per essere grati al Signore
Quando dimentichiamo ciò che Dio ha fatto per noi, la fede viene meno e iniziamo a lamentarci di Lui. Quando ci ricordiamo, dimostriamo gratitudine Salmo 103:2.
La gratitudine e il ricordare, stimolano la nostra fede al presente, siamo consolati e incoraggiati dalle liberazioni passate per confidare oggi nel Signore 1 Samuele 17:37.
    Ricordare che l’ubbidienza porta benedizione
Un vero senso di gratitudine si manifesta con la nostra disponibilità ad osservare i comandamenti del Signore. Una disubbidienza da parte d’Israele era sinonimo di avere dimenticato il loro Dio Deut. 4:39-40. Quando ci si rende conto che ogni cosa buona è scesa dalla mano del Padre Celeste non possiamo fare altro che ubbidire a tutto ciò che il Signore ci dirà.
Un particolare importante di tutto il libro di Deuteronomio è il legame tra fede ed ubbidienza. Questa formula di fede e ubbidienza avrebbe permesso al popolo di ereditare tutte le benedizioni promesse da Dio. L’assenza di fede e ubbidienza avrebbe aperto la porta ai giudizio di Dio, invece di benedizione ci sarebbe stata maledizione. Deut. 28:1-20.
La bontà di Dio nel rigenerare i nostri cuori ha fatto si che, conoscessimo una vita nuova e con la Sua Parola scritta nei nostri cuori, la mettessimo in pratica per essere davvero felici. Giacomo 1:18-25.
    Ricordare la peculiarità della nostra identità
Israele esisteva per volontà di Dio, non sarebbe stata una nazione se non fosse stato Dio a chiamare Abramo al Suo servizio. Dio ha voluto un popolo che fosse il suo tesoro particolare e attraverso lui manifestare a tutte le nazioni la sua misericordia e la sua potenza. In Abramo tutte le nazioni sono benedette. Genesi 22.17-18; Esodo 19:5-6
Dio ha acquistato per sé un popolo, la chiesa non deve dimenticare che siamo chiamati a testimoniare di Lui 1 Pietro 2:9-10.
Nell’ordinamento lasciatoci da Gesù, quello della Cena del Signore, siamo esortati a ricordare e proclamare che il Signore è morto per noi 1 Corinzi 11:23-26.

Come guida: Manuale di Studio per le Scuole Domenicali A.D.I.

Scarica Audio mp3
Formato pdf
Visualizza libro animato da sfogliare 11" Lezione >>>>




Chi siamo | Dove siamo | Mappa del sito | Diritti d'autore

© www.tuttolevangelo.com 2002 - 2017 - Tutti i diritti sono riservati. È vietata ogni riproduzione anche parziale.
WEBMASTER - Direttore direttore@tuttolevangelo.com
Powered by FareSviluppo.it