Tutto l'evangelo Adi 8x1000 - 2015
Home | Forum | Newsletter | Audio mp3 | Scuola Domenicale | Eventi | Foto | Link
Inserisci il tuo indirizzo Iscrivimi Cancellami Leggi arretrati Leggi arretrati
L'angolo del Pastore
Nato di nuovo
Letture
Studi biblici
Meditazioni
Pensieri
Attualità
Pionieri
Bibbia online

Emittenti TV Cristiani Oggi

Il messaggio della settimana in mp3

Le frequenze di radio evangelo

La nostra comunità

Testimonianza PentecostaĆ²e

Chi siamo

Le nostre attività

Turno campeggio 2017


:: UN GIOVANE MISTERIOSO

«Un giovane lo seguiva, coperto soltanto con un lenzuolo; e lo afferrarono; ma egli, lasciando andare il lenzuolo, se ne fuggì nudo». (Marco 14:51, 52)

Il Vangelo di Marco è stato a lungo oggetto di studi e meditazioni per diversi motivi. La domanda più ricorrente è come abbia fatto quest'uomo, che non faceva parte (come Luca) dei dodici apostoli, a procedere alla narrazione puntuale degli eventi che hanno caratterizzato il ministerio terreno del Signore Gesù. Qualcuno sostiene che Marco fu interprete dell'apostolo Pietro, dal quale era stato convertito (I Pietro 5:13), e che scrisse con esattezza tutto ciò che ricordava delle cose fatte o dette da Gesù non avendo né ascoltato né seguito Cristo ma essendo stato soltanto compagno di Pietro; altri, invece, sostengono che Marco abbia visto Gesù durante il Suo ministerio in Giudea. Ma, al di là di queste opinioni, la cosa più importante è riconoscerne la Divina ispirazione dello Spirito Santo. I versi presi in considerazione ci parlano di una figura piuttosto misteriosa, di un giovane che prende posto in una delle scene più commoventi della Sacra Scrittura e cioè l'arresto di Gesù nel Getsemani. Qualcuno ha ipotizzato che quel giovane fosse lo stesso Marco, autore del Vangelo; in ogni caso, egli dovette assistere all'arrivo di Giuda, il traditore, insieme ad una moltitudine di gente che viene a prendere Gesù con «spade e bastoni», alla reazione di Pietro che, tratta la spada, recide l'orecchio del servo del sommo sacerdote, all'ultimo miracolo di Gesù che tocca l'orecchio di quell'uomo e lo guarisce e, infine, alla fuga dei discepoli, affinché si adempisse la Scrittura «Colpisci il pastore e siano disperse le pecore» (Zaccaria 13:7). Ma, a questo punto, accade qualcosa nell'animo di questo giovane. Possiamo considerare 5 elementi importanti:
  • Una decisione
  • Una condizione
  • Un avvenimento
  • Una conseguenza
  • Una reazione
UNA DECISIONE
«Un giovane lo seguiva...» È importante considerare il contesto in cui quest'uomo prende la sua decisione. Dopo l'arresto di Gesù, i discepoli abbandonarono il loro Maestro proprio nel momento in cui avrebbero dovuto dimostrare nei Suoi riguardi tutto l'affetto e la comprensione possibile; poi fuggono per evitare spiacevoli conseguenze. Questo giovane, però, sembra fare una scelta che va controcorrente; è apprezzabile il suo buon proposito di seguire Gesù anche quando le circostanze sembrano suggerire un comportamento diverso. Possiamo immaginare che egli si sia trovato in mezzo alla folla che Gesù ammaestrava durante il Suo ministerio, che abbia visto Gesù compiere delle opere potenti e sono proprio le parole di Gesù che producono nel suo cuore la fede, la piena convinzione di essere al cospetto del Figlio di Dio. Molta gente seguiva Gesù per scopi diversi ma ci piace pensare che questo giovane non appartenesse solo a quella categoria di curiosi che voleva vedere Gesù all'opera

UNA CONDIZIONE
«... coperto soltanto con un lenzuolo» I versi ci parlano non soltanto della sua decisione ma anche della sua personale condizione. Un'altra versione della Parola di Dio, descrive anche la qualità di questo lenzuolo: «avvolto in un panno lino...» La particolarità di questo tessuto era la sua finezza; pertanto egli non sembra essere equipaggiato adeguatamente alle condizioni atmosferiche perché quella notte faceva particolarmente freddo (Giovanni 18:18). Nel significato spirituale, questo lenzuolo così fine, ci parla della superficialità della sua esperienza cristiana; possiamo affermare che questo giovane non ha i mezzi necessari per superare le difficoltà, i suoi buoni propositi sono lodevoli ma non sono sufficienti.

UN AVVENIMENTO
«... e lo afferrarono» Ad un certo punto, accade qualcosa di inaspettato. Mentre segue Gesù, qualcuno si accorge della sua presenza, gli eventi precipitano e questo giovane viene preso. Ed è a questo punto che ci tornano alla mente le parole di Gesù quando disse; «E sarete condotti davanti a governatori e re per causa mia, per servire di testimonianza davanti a loro e ai pagani» (Matteo 10:18) e ancora «Sarete odiati da tutti a causa del mio nome; ma chi avrà perseverato sino alla fine sarà salvato» (Matteo 10:22). Gesù aveva avvertito i Suoi delle cose che avrebbero dovuto soffrire per il Suo nome e queste parole cominciarono ad echeggiare anche nella mente di questo giovane che aveva con cuore deciso di seguire il Signore, ma è proprio qui che si trova a dover fare un'altra scelta.

UNA CONSEGUENZA
«... ma egli, lasciando andare il lenzuolo» La debolezza della sua fede fa presto spazio alla paura di subire delle conseguenze alla propria persona; anche oggi l'uomo dichiara con troppa facilità la sua volontà di seguire il Signore ma, alla prima difficoltà, lo vediamo arrendersi e lasciare nelle mani del nemico quella piccola «protezione» che aveva acquisito nell'esperienza con Dio. Aveva ben detto Gesù tempo prima: «Il seminatore uscì a seminare. Mentre seminava, una parte del seme cadde... in luoghi rocciosi dove non aveva molta terra; e subito spuntò, perché non aveva terreno profondo; ma, levatosi il sole, fu bruciata e, non avendo radice, inaridì. - Quello che ha ricevuto il seme in luoghi rocciosi, è colui che ode la parola e subito la riceve con gioia, però non ha radice in sé ed è di corta durata; e quando giunge la tribolazione o persecuzione a motivo della parola, è subito sviato» (Matteo 13:3-6; 20-21).

UNA REAZIONE
«...se ne fuggì nudo» Sulla base di ciò che abbiamo considerato, sarebbe facile criticare il comportamento di questo giovane che aveva manifestato inizialmente dei buoni propositi. Quello che conta, è utilizzare questo modello come insegnamento per la nostra vita spirituale. Il Signore ci dà diversi ammonimenti nella Sua Parola e ci invita con premura a vegliare, a stare fermi nella fede, a fortificarci (1 Corinzi 16:13). Ma abbiamo bisogno di essere equipaggiati come buoni soldati che vanno alla guerra «Rivestitevi della completa armatura di Dio, affinché possiate star saldi contro le insidie del diavolo» (Efesini 6:11).

Giormac





Chi siamo | Dove siamo | Mappa del sito | Diritti d'autore

© www.tuttolevangelo.com 2002 - 2017 - Tutti i diritti sono riservati. È vietata ogni riproduzione anche parziale.
WEBMASTER - Direttore direttore@tuttolevangelo.com
Powered by FareSviluppo.it