Tutto l'evangelo Adi 8x1000 - 2015
Home | Forum | Newsletter | Audio mp3 | Scuola Domenicale | Eventi | Foto | Link
Inserisci il tuo indirizzo Iscrivimi Cancellami Leggi arretrati Leggi arretrati
L'angolo del Pastore
Nato di nuovo
Letture
Studi biblici
Meditazioni
Pensieri
Attualità
Pionieri
Bibbia online

Emittenti TV Cristiani Oggi

Il messaggio della settimana in mp3

Le frequenze di radio evangelo

La nostra comunità

Testimonianza PentecostaĆ²e

Chi siamo

Le nostre attività

Turno campeggio 2017

Giornalino L'informatore Evangelico

::«Uno scampato alla morte»

Circa dieci anni fa, con mia moglie e i miei ragazzi abitavo in una brutta via. In famiglia ero infelice; il demonio mi aveva preso. Avevo deciso di buttarmi nel canale.
In fabbrica, dove lavoravo, chiesi ed ottenni il permesso di lasciare l'officina alle cinque di sera. Andai a casa, su un foglio di carta, scrissi qualcosa a mia moglie ed uscii. Ero ben deciso; la situazione in famiglia era insostenibile: non potevo andare avanti.
Presi il tram e alla prima fermata salì un signore, come tanti, si sedette di fronte a me. Era alto, anziano, con un paio di baffi da generale della guerra del '14, una giacca verdolina sulle spalle, e degli occhi buoni, buoni… Per un quarto d'ora mi guardò semplicemente. Il suo sguardo dolce e penetrante era fisso su di me. Mi ricordo che aveva il cappello messo a rovescio, con il nodo davanti.
Tutto ad un tratto sentii dire: "Capolinea! Non scendete?". Scesi nella pioggia e nella notte. L'uomo era sparito.
Camminai senza meta alcuna; avevo l'impressione che quello sguardo mi seguisse. Ad un tratto di fronte a me si stagliò una chiesa. Questo era troppo forte per me. Entrai, mi accostai ad una colonna e piansi, piansi a lungo. Nella mia mente era presente lo sguardo di quell'anziano signore. La luce dei suoi occhi mi distolse dall'insano gesto che avevo premeditato.
Il canale non mi vide più. Ritornai a casa prima di mia moglie, bruciai quel pezzo di carta che le avevo scritto in precedenza ed andai a letto. Quella notte cercai di dormire senza riuscirci perché la luce del suo sguardo era fissa nella mia mente.
Una notte, - non saprei dire come, - una luce apparve sul muro sopra il letto, come una croce luminosa. Non durò molto tempo; ma era lì, piansi di nuovo.
Mi misi alla ricerca di quell'uomo ed un giorno lo incontrai. Era un lunedì sera. Con grandi gesti delle sue braccia invitava i passanti ad entrare in un cortile. In fondo al cortile c'era la sua casa ed io vi entrai.
Oh! Mio Dio! Dei canti, dei canti e poi l'uomo salì su un piccolo pulpito. Il mio sguardo s'incrociò con il suo. Egli parlava, leggeva e spiegava l'Evangelo. Il messaggio era rivolto proprio a me, un povero suicida scampato alla morte. Piansi, ancora piansi e poi risi. Sì risi perché la "Luce" ora era entrata in me, riempiendo il mio cuore di gioia e calore, tanto da trasformare la mia vita. Dopo la riunione mi fermai, e raccontai tutto al pastore ed egli mi rispose: «Sì, ho pregato per voi, sul tram ho pregato per voi».
Ecco come divenni un cristiano.





Chi siamo | Dove siamo | Mappa del sito | Diritti d'autore

© www.tuttolevangelo.com 2002 - 2017 - Tutti i diritti sono riservati. È vietata ogni riproduzione anche parziale.
WEBMASTER - Direttore direttore@tuttolevangelo.com
Powered by FareSviluppo.it