Tutto l'evangelo Adi 8x1000 - 2015
Home | Forum | Newsletter | Audio mp3 | Scuola Domenicale | Eventi | Foto | Link
Inserisci il tuo indirizzo Iscrivimi Cancellami Leggi arretrati Leggi arretrati
L'angolo del Pastore
Nato di nuovo
Letture
Studi biblici
Meditazioni
Pensieri
Attualità
Pionieri
Bibbia online

Emittenti TV Cristiani Oggi

Il messaggio della settimana in mp3

Le frequenze di radio evangelo

La nostra comunità

Testimonianza PentecostaĆ²e

Chi siamo

Le nostre attività

Turno campeggio 2017


:: Qual'é il beneficio della preghiera?

Signore, insegnaci a pregare. Luca 11:1.

      La preghiera non è parte integrante della vita dell’uomo naturale. Ci vien detto che l’uomo che non prega soffrirà nella vita; io lo contesto. Ciò che ne soffre è piuttosto la vita di Cristo in lui, vita che riceve il nutrimento non dal cibo, ma dalla preghiera. Quando uno è nato da alto, nasce in lui la vita del Figlio di Dio; si può far morire d’inedia questa vita, oppure si può nutrirla, e il nutrimento è la preghiera. Le idee che comunemente abbiamo sulla preghiera non si trovano nel Nuovo Testamento; noi la riteniamo un mezzo per ottenere qualche cosa per noi stessi; la Bibbia ci dice invece che essa è un mezzo per conoscere Dio. “Chiedete e vi sarà dato.”
Pregando Dio possiamo lamentarci, o chiedere scusa per qualche cosa, oppure essere indifferenti, ma chiediamo pochissime cose. Pensa invece alla splendida audacia del figlio che abbia le caratteristiche del bambino! Il Signore dice: “Se non diventate come piccoli fanciulli...”. Chiedi, e Dio agirà; dai a Gesù Cristo l’opportunità di operare, lasciaGli il campo libero. Ma nessuno è disposto a farlo, a meno che non si trovi ad avere esaurito le sue risorse; se l’uomo è in quello stato, non dà segni di viltà se si mette a pregare, perché quello è l’unico mezzo per entrare in contatto con la Realtà. Sii te stesso davanti a Dio e presentaGli i tuoi problemi, diGli tutto quello per cui sei giunto agli estremi delle tue risorse. Quando ci si sente autosufficienti, non si avverte il bisogno di chiedere qualche cosa a Dio.
      Non è esatto dire che “la preghiera cambia il corso delle cose”; piuttosto, essa cambia me, ed io cambio le cose. Dio ha così ordinato gli eventi che la preghiera fatta sulla base della redenzione cambia il modo in cui una persona li vede.
      La preghiera non opera tanto un mutamento esteriore negli eventi, quanto meraviglie nel modo in cui l’uomo li affronta.

da: L’impegno per l’Altissimo pag. 252





Chi siamo | Dove siamo | Mappa del sito | Diritti d'autore

© www.tuttolevangelo.com 2002 - 2017 - Tutti i diritti sono riservati. È vietata ogni riproduzione anche parziale.
WEBMASTER - Direttore direttore@tuttolevangelo.com
Powered by FareSviluppo.it