Tutto l'evengelo - L'angolo della scuola domenicale
Home Scuola domenicale La nostra voce Mappa del sito

:: La casa,
luogo d’insegnamento

"E ogni giorno, nel tempio e per le case, non cessavano di insegnare e di portare il lieto messaggio che Gesù è il Cristo" (Atti 5:42).

Gli apostoli del Signore erano instancabili proclamatori della grazia divina, del lieto messaggio della salvezza in Cristo. E se è vero che spesso li vediamo recarsi al tempio e nelle sinagoghe per annunciare la salvezza, in questo versetto notiamo menzionata un’altra tappa importante: le case. L’insegnamento di Cristo era presentato in pubblico e nell’ambito delle mura domestiche; cosa che prediligeva anche l’apostolo Paolo: "… io non mi sono tratto indietro dall’annunciarvi e dall’insegnarvi in pubblico e per le case, cosa alcuna di quelle che vi fossero utili" (Atti 20:20).
La casa, quale luogo d’insegnamento, era uno dei posti dove la chiesa nascente si ritrovava per "spezzare il pane" e celebrare la Cena del Signore ma, altresì, dove si spezzava il pane della vita della Parola di Dio, infatti, i credenti "erano perseveranti nell’attendere all’insegnamento degli apostoli, nella comunione fraterna, nel rompere il pane e nelle preghiere. E tutti i giorni, essendo di pari consentimento assidui al tempio, e rompendo il pane nelle case, prendevano il cibo assieme con letizia e semplicità di cuore” (Atti 2:42-46).
La componente dell’insegnamento si poneva in relazione a quella della comunione fraterna, della concordia, della perseveranza, della letizia e della semplicità. Tutti elementi più che mai importanti per caratterizzare l’autentica chiesa del Signore secondo l’Evangelo. Il Signore poi, suggellava il tutto chiamando altre anime a ravvedimento (Atti 2:47). Attorno al ruolo centrale dell’insegnamento ruota utto il resto; sembra che sia proprio il fattore insegnamento quello che cementi le altri virtù e qualità di una chiesa, vissuto con semplicità di cuore, con la lode al Signore e per la Sua unica gloria Questo avveniva anche nelle case.
La casa, la famiglia, infatti, era il luogo dove erano impartiti i primi rudimenti dell’istruzione ebraica. La famiglia era quella che garantiva l’istruzione necessaria, affinché le conoscenze acquisite da una generazione potessero essere tramandate a quella successiva. Secondo la Bibbia vediamo che la famiglia rivestiva la funzione principale per trasmettere gl’insegnamenti della Scrittura. Significativo il capitolo sei del Deutoronomio dove il Signore dà, a questo riguardo, dei chiari ordini al Suo popolo.
Come genitori, noi tendiamo generalmente, a delegare altri all’insegnamento, è un fatto di convenienza: i maestri delle scuole pubbliche insegnano le materie scientifiche… ai nostri figli,
La casa, luogo d'insegnamento
al pastore e ai monitori spetta d’insegnare "religione". Secondo la Bibbia non è così. È a casa che i nostri figli imparano di più, nel bene e nel male!
Difatti ai nostri figli non servono le parole perché essi impareranno da noi non quello che gli diciamo, ma impareranno da quello che noi siamo.
Quante volte nell’intimità delle quattro mura domestiche le nostre parole sono confermate o sconfessate dai fatti. È nella casa che si saggia la vera sapienza, attraverso la coerenza. E sì, abbiamo usato un’altra parola importante, sapienza. Che va a braccetto con l’insegnamento e la coerenza; infatti, il vero insegnamento, quello che cioè lascia un segno, non vuol dire trasmettere ciò che uno sa o crede di sapere. La vera sapienza trasmessa dall’insegnamento non è quella data dalle belle parole, ma la sua autorevolezza (come per Gesù) è determinata dal sapere, dal "dare sapore" dare senso e gusto alla vita. Chi più dei genitori è in grado di esercitare questo tipo di insegnamento, lasciare una traccia nella vita dei propri cari. Nel bene o nel male ciò accade, certo, con le parole ma soprattutto con la propria presenza e coerenza.
Scendiamo dalla cattedra della nostra presunta sapienza e diamo sapore alla nostra famiglia, nella nostra casa, esercitando il vero sapere che è quello che faceva esclamare all’apostolo: "…per me il vivere è Cristo…" (Filippesi 1:21).

da: Il Consigliere della Scuola Domenicale 03





Chi siamo | Dove siamo | Mappa del sito | Diritti d'autore

© www.tuttolevangelo.com 2002 - 2017 - Tutti i diritti sono riservati. È vietata ogni riproduzione anche parziale.
WEBMASTER - Direttore direttore@tuttolevangelo.com
Powered by FareSviluppo.it