Tutto l'evengelo - L'angolo della scuola domenicale
Home Scuola domenicale La nostra voce Mappa del sito


Come insegnante della Scuola Domenicale, ti sei mai fermato a chiederti se qualche volta rivolgi a te stesso la parola che solitamente indirizzi ad altri?
Cerchi cioè d’istruire anche te stesso? Se tu stesso non ricevi spiritualmente qualche cosa di nuovo dall’insegnamento che impartisci, questa tua fatica certamente non ha quel successo che dovrebbe avere. Una volta fu detto: “Nessuno può fare meraviglie nel suo insegnamento, se non ama il suo compito”. È saggio fermarsi a valutare con calma lo svolgimento della lezione appena terminata. Ti senti con una nuova maggiore inclinazione verso il soggetto di cui hai parlato? Esci dalla classe con una nuova rivelazione di quella verità particolare del Vangelo?
Se studierai e preparerai la lezione accuratamente vedrai che il tuo insegnamento più efficace viene dalle nuove idee generate in te nello svolgere la lezione. Insegnare agli altri, insegnando anche a sé stessi è davvero un insegnamento che porta frutto. Questo genera una visione più profonda dell’Evangelo medesimo ed una gioia più grande, nonché una grande soddisfazione.
“Ho appreso qualche cosa da ciò che ho appena insegnato?”. È la risposta a questa domanda che ti rivelerà se il programma d’insegnamento che stai attuando avrà efficacia o no. L’arte dell’insegnare comprende tante qualità: si deve avere una conoscenza completa del soggetto; il desiderio d’istruire ed aiutare gli altri; il desiderio di farsi degli amici, di mantenere la propria stabilità spirituale e più di ogni altra cosa il desiderio di glorificare il Padre celeste.

da: “Il Consigliere della Scuola Domenicale 97”

 
 
Formato pdf




Chi siamo | Dove siamo | Mappa del sito | Diritti d'autore

© www.tuttolevangelo.com 2002 - 2017 - Tutti i diritti sono riservati. È vietata ogni riproduzione anche parziale.
WEBMASTER - Direttore direttore@tuttolevangelo.com
Powered by FareSviluppo.it