Tutto l'evangelo Adi 8x1000 - 2015
Home | Forum | Newsletter | Audio mp3 | Scuola Domenicale | Eventi | Foto | Link
Inserisci il tuo indirizzo Iscrivimi Cancellami Leggi arretrati Leggi arretrati
L'angolo del Pastore
Nato di nuovo
Letture
Studi biblici
Meditazioni
Pensieri
Attualità
Pionieri
Bibbia online

Emittenti TV Cristiani Oggi

Il messaggio della settimana in mp3

Le frequenze di radio evangelo

La nostra comunità

Testimonianza PentecostaĆ²e

Chi siamo

Le nostre attività

Turno campeggio 2017

Giornalino L'informatore Evangelico

Titolo

Il cristiano è il peccatore fatto oggetto dell’amore di Dio (Romani 5:5)
L’apostolo Paolo usa il termine “sparso”. Letteralmente significa versato (o rovesciato). È lo stesso termine usato per lo “spargimento” dello Spirito stesso (Atti 2:17, 18, 33; 10:45). L’immagine è quella di un libero fluire e di una grande quantità, di una “inondazione”.
Una traduzione riporta così: “L’amore di Dio ha inondato il profondo del nostro cuore“. L’amore una volta sparso in abbondanza nei nostri cuori deve rimanere tale, abbondante, non discontinuo, ad intermittenza…
  1.
Amare il Signore significa desiderare di stare con Lui. Significa trovare piacere nell’avere comunione con Lui! Amare il Signore non significa avere un rapporto di convenienza. Molti seguivano Gesù per il pane, per le guarigioni, per le liberazioni, pochi seguivano Gesù per amore. Quando notiamo di avere poca voglia, poco desiderio di stare con Gesù, di meditare la Sua Parola, significa che l’amore sta venendo a scemare! La lode e l’adorazione sono l’espressione spontanea del nostro amore per il Signore. La parola “adorazione” deriva da un termine che significa “prostrarsi “, “inchinarsi “. Indica “l’atto di rendere omaggio e onore a Dio”… L’adorazione è spontanea, a volte è sommessa, a volte è difficile esprimere i sentimenti che abbiamo nel cuore… A volte, tante parole possono essere fuori posto, dopo che il Signore ci ha parlato, ci ha benedetto, stiamo semplicemente bene con Lui. Le nostre preghiere in genere sono solo richieste: “dammi, ho bisogno, rispondimi “, la cosa più bella è stare con Gesù!!!
Il Salmo 100 è un bellissimo Salmo di lode! (Salmo 34:1-4)
Davide era innamorato di Dio, ma ad un certo punto tradì il Signore, “il suo amore” (Salmo 51:14, 15).
Nel Salmo 137 viene ricordato il popolo d’Israele in Babilonia a cui veniva chiesto di cantare dei cantici di allegrezza, di lodare il Signore… Come si fa a lodare il Signore quando si è lontani da Sion, da Gerusalemme?
L’intera Bibbia è costellata di manifestazioni di lode. Esse sorgono spontaneamente dal profondo del cuore e soprattutto nel Nuovo Testamento indica un atteggiamento di profonda intimità tra chi loda e la persona lodata; il termine utilizzato nel N.T. significa letteralmente “rendere grazie…”
     
Lodare il Signore per Chi Egli è (Salmo 90:2; 2Samuele 22:2-4; 1Cronache 16:25; Salmi 18:3; 48:1; 96:4; 145:3);
     
Lodare e ringraziare il Signore per ciò che ha fatto in noi (Isaia 9:2; Salmo 96:1-4, 11- 13; Luca 2:13, 14);
     
La lode è una caratteristica del popolo di Dio (1 Pietro 2:9, 10);
     
Essa è gradita a Dio (Ebrei 13:15).
   
Il Cantico dei Cantici che è un’espressione superlativa dell’amore, si potrebbe chiamare “il canto dell’Amore “, in cui si esprimono i più ardenti e teneri sentimenti di uno sposo e di una sposa. Rappresenta l’amore tra Dio e la sua Chiesa. Nel libro i due interlocutori principali sono lo Sposo e la Sposa. La Sposa esprime le lodi per lo Sposo e così lo Sposo loda la Sposa (Cantico dei Cantici 1:15, 16; 3:2; 4:1).
  2.
Amare Cristo vuol dire seguirLo sempre, comunque e ad ogni costo. Immettersi nell’amore di Cristo ma anche soffrire per Cristo. Dio ha dato il meglio (il Suo unigenito figliuolo), chi desidera seguirlo è chiamato a dare il meglio (Matteo 10:34-38; Luca 14:26, 27). Il Signore dichiara esplicitamente che la vita di ogni vero discepolo deve essere dal principio alla fine una vita di abnegazione, di dedizione, ubbidienza e sottomissione alla Sua volontà. È più facile seguire il Signore sul monte della Trasfigurazione, quando sfama la moltitudine, quando opera miracoli, ma amare Gesù significa anche seguirlo nei Getsemani, rimanere con Lui lì, al Suo fianco, significa servirlo anche nelle difficoltà, significa rimanere con Lui nel momento dell’arresto (invece tutti i discepoli lo abbandonarono…, Matteo 26:56), significa stare al Suo fianco sempre e ad ogni condizione (Giovanni 6:60, 66-69)
L’amore e la devozione per Cristo deve essere tale che il credente mette al primo posto Cristo e il servizio per lui più di tutto e tutti (Luca 6:22).
  3.
Amare il Signore significa essere pronti alla rinuncia (Luca 14:33); dall’originale greco rinunzia è più comunemente tradotto per «dire addio», «prendere congedo». Il senso evidente è che un uomo non può esser discepolo di Cristo, se non è perfettamente deciso ad abbandonare ogni cosa, per amore di Lui (Filippesi 3:7, 8). Paolo disse addio alla vecchia vita, disse addio a tutto ciò che reputava guadagno…, poté dire: “Sono stato crocifisso con Cristo, e non son più io che vivo, ma è Cristo che vive in me; e la vita che vivo ora nella carne, la vivo nella fede nel Figliuol di Dio il quale m’ha amato, e ha dato se stesso per me” (Galati 2:20).
Se il Signore ci ha chiesto di rinunciare definitivamente a qualcosa, è inutile che ce l’andiamo a riprendere dopo qualche mese, qualche anno di conversione (Matteo 16:24; 2Corinzi 4:1, 2).
Noi non abbiamo rinunciato a nulla, abbiamo scelto Gesù.
  4. Amare il Signore significa osservare i Suoi comandamenti (Giovanni 14:15,16, 21-24; 15:13-15);
  5. L’amore per il Signore “ci spinge”:
      a.
a donarci, a donare e ad agire per Lui (Romani 12:1; 2Cronache 20:7; Marco 12:41-42; 2Corinzi 9:6, 7). L’avarizia non è una manifestazione dell’amore (Luca 12:15; 2Corinzi 9:5; Efesini 5:3, 5; 1Corinzi 5:11).
      b. a perdonare
      c. a sopportare e a pregare per gli altri Esodo 32:31);
      d. ad affrontare i giganti della vita con coraggio (Salmo 18:1; 1Samuele 17:45-47);
      e.
a rischiare la vita pur di soddisfare un desiderio di una persona amata (2 Samuele 23:13-17);
      f. a rimanere fedeli a Dio in ogni circostanza (Daniele 3:10-12, 16-18; 6:13);
      g. ad andare da Gesù e a spandere la propria anima presso di Lui (Luca 7:36-38; 44-48; Marco 14:3-9 ...);
      h. a soffrire per Cristo (Atti 7:54-60; 12:1, 2; 2Corinzi 11:23- 28).
   
Pasquale Puopolo
 
Formato pdf
 




Chi siamo | Dove siamo | Mappa del sito | Diritti d'autore

© www.tuttolevangelo.com 2002 - 2017 - Tutti i diritti sono riservati. È vietata ogni riproduzione anche parziale.
WEBMASTER - Direttore direttore@tuttolevangelo.com
Powered by FareSviluppo.it