Tutto l'evangelo Adi 8x1000 - 2015
Home | Forum | Newsletter | Audio mp3 | Scuola Domenicale | Eventi | Foto | Link
Inserisci il tuo indirizzo Iscrivimi Cancellami Leggi arretrati Leggi arretrati
L'angolo del Pastore
Nato di nuovo
Letture
Studi biblici
Meditazioni
Pensieri
Attualità
Pionieri
Bibbia online

Emittenti TV Cristiani Oggi

Il messaggio della settimana in mp3

Le frequenze di radio evangelo

La nostra comunità

Testimonianza PentecostaĆ²e

Chi siamo

Le nostre attività

Turno campeggio 2017

Giornalino L'informatore Evangelico

:: Incontro Fraterno Provinciale
Ortanova (FG) 2 giugno 2007
Titolo studio
"…i veri adoratori adoreranno il Padre in ispirito e verità; poichè il Padre cerca tali adoratori"
Giovanni 4:23-24
Sabato 2 giugno, Dio ci ha concesso l’opportunità di riunirci nella sala congressi dell’Hotel Herdonia di Ortanova (FG), per il consueto Incontro Fraterno Provinciale delle chiese ADI.
Circa trecento credenti, provenienti dalle comunità della provincia, hanno trascorso un tempo benedetto alla presenza del Signore, per ascoltare la Sua Parola e godere la comunione fraterna.
Per i culti e lo studio, si sono alternati vari servitori di Dio. Dopo i saluti iniziali e il benvenuto a tutti i partecipanti, il fr. Salvatore Chiaradia ha presieduto il culto della mattina. Il fr. Carmine Lamanna, membro del Consiglio Generale delle Assemblee di Dio in Italia, e pastore delle comunità di Ginosa (Ta) e Matera S. Pardo, guidato dal Signore, ci ha illustrato la figura di Giuseppe (Genesi 49:22-26) “un ramo fruttifero vicino alla sorgente” le cui radici sono fondate sull’unico fondamento Cristo Gesù, ricchezza di verità inesauribile. Un ramo che ci parla di unità, di fertilità, un ramo che sicuramente viene provato, perseguitato ma che produrrà ancora più frutto, perché la sofferenza è partecipe del servizio della consacrazione e dell’amore. Giuseppe in alcuni tratti è la figura del Cristo.
Noi siamo dei rami edificati sulle uniche radici che fanno capo a Gesù Cristo sorgente di vita. Dio ha benedetto Giuseppe e benedirà ancora noi. Il segreto è: “l’amore di stare vicino alla sorgente”. Offriamo noi stessi come sacrificio vivente, santo e accettevole a Dio, da essere di testimonianza e portare frutti per la Sua gloria. Dopo una breve pausa il fr. Gaetano Montante, membro del Consiglio Generale e pastore delle comunità di Raffadali e Santa Elisabetta (AG), ci ha presentato lo studio basato sui Principi Fondamentali del Culto Cristiano, Giov. 4:23-24, “Dio è spirito e quelli che l’adorano l’adorino in ispirito e verità”. Il culto cristiano è il rapporto fra Dio e il credente, dove i credenti si radunano, il Signore è presente, benedicendoli perché offrono un servizio di lode, adorazione, gratitudine e sottomissione. È un servizio guidato dallo Spirito Santo secondo la verità della Parola di Dio.
fr. Gaetano Montante
Tali sono gli adoratori che Dio gradisce. Quando il culto è in ispirito e verità, edifica sempre perché lo Spirito è Santo, mentre il formalismo e i riti producono la morte.
Tutto deve svolgersi con decoro e ordine, per mirare all’edificazione del corpo di Cristo. In conclusione la radunanza dei credenti, nella celebrazione del culto, realizza un vero “insieme”. Dio cerca tali adoratori.
Dopo il pranzo, il numero dei credenti è aumentato, il locale si è riempito ulteriormente. Il fr. Gaetano Montante ci ha reso partecipi dei lavori svolti nei paesi: "INDIA DEL SUD, BURKINA FASO e RWANDA" con la proiezione di un filmato riguardando l’opera delle adozioni a distanza. Grazie a Dio per l’amore e l’impegno dei fratelli responsabili di questa meravigliosa opera che Dio ha messo nei loro cuori.
Al culto di chiusura, il fr. Montante, guidato dallo Spirito Santo, ci ha parlato de: “lo schiavo fedele”. (Deut. 15:12-18).
Noi eravamo schiavi del diavolo e del peccato, schiavi di un padrone malvagio che ci voleva soltanto a morte; non c’era soluzione alcuna per noi. Ma un giorno un padrone stupendo, incomparabile e meraviglioso, decise di venire e comprare questi schiavi con il Suo prezioso sangue dicendoci: “tu sei un uomo e una donna libera, fai quello che vuoi della tua libertà che io ti ho dato”. Noi abbiamo risposto non vogliamo andarcene via da Te! Tu ci hai fatto grazia, alla croce hai comprato la nostra libertà arricchendoci d’ogni bene spirituale. Se finora il nostro padrone è stato un despota, un malvagio, noi vogliamo che tu Signore sei il nostro padrone perché sei buono e misericordioso ci hai accolti nella Tua casa come amici, come figli e non come schiavi, perché ci ami. Non vogliamo andare via da Te. Tu sei un padre buono. Abbiamo buone ragioni per rimanere con Te nella Tua casa. Vogliamo servirTi per sempre.
La Parola del Vangelo ha forato profondamente il nostro cuore e legato la nostra vita alla croce.
Alla fine della riunione, il fr. Perugini ha rinnovato l’appuntamento per il prossimo 6 gennaio 2008 d.v. Rinfrancati dall’ascolto della predicazione, gli intervenuti hanno ripreso la via del ritorno a casa custodendo nel loro cuore i preziosi consigli ricevuti dal Signore.
Il nostro ringraziamento va al Signore che porta avanti la Sua opera di grazia giorno dopo giorno.

    Maria Torraco
   






Chi siamo | Dove siamo | Mappa del sito | Diritti d'autore

© www.tuttolevangelo.com 2002 - 2017 - Tutti i diritti sono riservati. È vietata ogni riproduzione anche parziale.
WEBMASTER - Direttore direttore@tuttolevangelo.com
Powered by FareSviluppo.it